Aciss onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Owerry (Nigeria)

Attività svolte > Progetti attuati

Collaborazione alla gestione e  sviluppo di un piccolo  ospedale






clicca sull'immagine per il video

Un poco di storia e di attualità

L’attività di assistenza sanitaria di Aciss nella Città di Owerri  è partita nel 2007 - 2008 con la creazione  della S. George Clinic, diretta da Padre Benedetto, con il concorso  della Parrocchia di Crenna nella persona del Parroco Don Giorgio Basilio e dell’Ospedale di Busto Arsizio, nella persona del Dr. Pietro Zoia. Purtroppo questa esperienza si è rivelata fallimentare, per una questione di gestione troppo  personalistica ……. del Direttore, tale da far decidere la immediata chiusura di ogni attività, con grande rammarico da parte di tutti .
L’attenzione si è quindi  spostata sulla possibilità di aiutare il nuovo piccolo ospedale a  NGUGO, un poverissimo villaggio alla periferia di Owerri, nella foresta di palme e di banani, la cui strada di accesso in molti punti assomiglia molto al letto di un torrente. L’edificio, sorto in  un’ala di un vecchia costruzione ospedaliera abbandonata e semi distrutta è vasta, restaurato e tinteggiato con grado di finitura africano, visibile nelle numerose sale di degenza  e negli altri locali di servizio.

Prima però di intraprendere ogni nuova iniziativa, per non ripetere altre esperienze negative, durante un incontro a Roma, abbiamo avuto dal Vescovo di Owerri, M.Rev. Mons. Obinna, l’assicurazione che il nuovo Ospedale sarebbe entrato a far parte della Organizzazione Sanitaria Diocesana, sotto la Sua personale responsabilità.

Egli ha provveduto, agli inizi del 2010, a nominare un Direttore, Fr. Bonaventure, che pur dovendo dividere il suo tempo con altri innumerevoli incarichi in Diocesi, ha iniziato ad occuparsi del funzionamento dell’ Ospedale, affrontando difficoltà di ogni tipo.

Durante la mia visita in loco, nel Settembre del 2010, ho potuto constatare la gravità della situazione, dovuta principalmente al mancato pagamento arretrato di mesi dei salari ai due medici e al personale infermieristico, al numero degli addetti sovradimensionato rispetto a quello dei pazienti assistiti e alla quasi totale mancanza di arredi nelle sale di degenza,  tinteggiate ma prive di ogni confort  (mancano completamente reti anti zanzare alle finestre e alle porte e i letti, ad eccezione dei pochi mandati dall’Italia e trasferiti dalla S. George Clinic, sono completamente privi di materassi e cuscini, tali che i pazienti sono fatti giacere sulle reti metalliche). La struttura del fabbricato, avendo subito gli effetti del tempo (il clima della zona alterna sei mesi di piogge torrenziali con temperature di 35 - 38 ° C  ad altrettanti mesi con 40 - 42 °C  e umidità al 95 – 98 % ) è in condizioni precarie con buchi nel tetto, in alcuni soffitti, mancanza di zanzariere che impediscano l’entrata di insetti, topi e rettili. C’è anche carenza di alimentazione elettrica, perche non c’è regolarità nell’erogazione da parte della rete nazionale. Ciò rende difficile pompare acqua nei serbatoi di stoccaggio e conservare i medicinali che dovrebbero esser tenuti al freddo.

Per qualche mese  un nuovo Direttore,  Fr. Chijoke, ha continuato l’attività del predecessore, iniziando a fornirci un rapporto trimestrale dell’attività in Ospedale, come gli avevo caldamente richiesto e a intraprendere  l’opera gravosa di sfoltire il numero degli addetti, impegnati nell’ Ospedale, come gli era stato da noi suggerito per ridurre i costi di gestione, considerando che l’apporto economico dei pazienti è pressoché nullo, data la loro estrema indigenza.

Nel Febbraio 2011, Mons. Obinna  ha nominato  Fr. Samuel Offurum, ex addetto alle pubbliche relazioni della Diocesi, nuovo Direttore di NGUGO . Da subito egli si è rivelato persona molto decisa ed efficiente e nel primo suo rapporto sulla situazione trovata molto preciso e dettagliato, ha elencato gli interventi necessari, con priorità assoluta:

- pagamento dei salari  allo staff, arretrati dall’Agosto 2010  al Febbraio 2011.
- realizzazione del progetto per l’alimentazione elettrica trifase all’Ospedale e acquisto di un generatore di emergenza.
- esecuzione di alcune riparazioni infrastrutturali, comprendenti perdite dal tetto, punti danneggiati dei soffitti, dei gradini e delle cancellate e applicazione di zanzariere alle finestre.
- acquisto di porte e tende per finestre per garantire la privacy.
- ripristino dell’uso della camera mortuaria, da metter a disposizione dei nativi e da cui raccogliere finanziamenti per le necessità dell’Ospedale.
- acquisto di materassi e cuscini per i letti di degenza.
- apertura di un secondo conto di risparmio in una affidabile Banca Nigeriana, preferibilmente First Bank, in aggiunta a quello già aperto dal suo predecessore nella Banca Chickum Micro Finanza .

A fronte di questo lungo elenco di interventi inderogabili, Fr. Samuel ci ha inviato un preciso rapporto di quanto realizzato con le donazioni ricevute:

-con € 1.400,00 ,pari a Naira  391.000, inviati dall’Italia (da Aciss, Parrocchia di Crenna e da me) e consegnati personalmente a Mons.Obinna , di passaggio da Roma, sono stati pagati arretrati di stipendio al medico dell’Ospedale e i salari dello staff del mese di Luglio. Sono serviti anche per l’acquisto di sette materassi e cuscini per i letti di degenza dei bambini, separandoli da quella degli adulti; per l’acquisto di quattro ventilatori a pale da soffitto; per rinnovare lo studio del medico; per rivestire di piastrelle il bagno, la toilette e parte della cucina; per tinteggiare le pareti di alcuni locali; per montare tende e soprattutto per rimpiazzare le zanzariere alle finestre; per piccoli interventi di manutenzione alla pompa di circolazione dell’acqua.
- € 2.608,00, pari a Naira  600.000 consegnati dal Vescovo, utilizzati per pagare parzialmente gli arretrati di salari dello staff.
- € 1.000,00, pari a Naira  250.000, offerti da benefattori locali , utilizzati per interventi  sull’impianto elettrico generale.

Un altro intervento importante, ai fini della riduzione dei costi di gestione dell’Ospedale, è stato quello di decidere di rinunciare alla presenza troppo onerosa  di un medico laureato fisso.
Fr. Samuel ha quindi scelto, a partire da Agosto 2011, di avvalersi della prestazione di un medico neolaureato, a costo zero ( nello  IMO State, dove si trova Owerri, ogni medico dopo la laurea deve prestare servizio gratuitamente, però pagato dallo Stato, presso una unità sanitaria per almeno un anno). Ha provveduto anche a nominare la Dr.sa Ndukwu quale consulente medico ufficiale, che si fa presente in Ospedale  una volta alla settimana, per assistere i pazienti in condizioni di salute più precarie.

Un fatto grave, molto negativo, si è verificato alla fine di luglio 2011, quando un gruppo di persone, di provenienza sconosciuta, ha eseguito una distribuzione gratuita alla popolazione di medicinali di provenienza cinese, di qualità scadentissima, senza che l’Agenzia statale di regolazione della vendita di medicinali intervenisse.
Quanto accaduto ha contribuito a diminuire ancor più la fiducia dei pazienti nella medicina ufficiale e nelle cure  dispensate dall’Ospedale. Molti di essi sono  ancora molto legati all’adozione di metodi di cura tribali e molto spesso empirici, avvalendosi anche dei consigli di guaritori improvvisati.

Su mia richiesta, sollecitato dal Dr. Parassoni, Fr. Samuel mi ha inviato un elenco dei progetti più urgenti da realizzare , quali :

- acquisto di un generatore di corrente di emergenza, completo delle connessioni all’impianto generale, per un importo di Naira  295.000, pari a  €  1.180,00.
- acquisto medicinali: spesa Naira  75.000, pari a € 300,00 mese (€  3.600,00 anno)

Seguono poi, come progetti futuri :
- attrezzature e suppellettili per una sezione maternità (spesa da quantificare)
- un elenco di quaranta voci ,riguardanti l’allestimento di  una sala esistente ,ma vuota , per piccoli interventi chirurgici e le attrezzature minime necessarie (spesa da quantificare).
- laboratorio di analisi mediche, da allestire con la consulenza dello specialista, proveniente dall’ Ospedale centrale Diocesano Santa Corona di Emekuku  (preventivo di spesa: Naira  1.142.000 ,pari a € 4.568,00 ) .
- camera mortuaria da ricostruire e attrezzare opportunamente (costo Naira  1.788.000 pari a € 4.568,00 ).

Per quanto ci riguarda, per il prossimo anno  2012, in base alle disponibilità che vorremo  destinare al progetto Nigeria, si potrà contribuire, unitamente alla Parrocchia di Crenna, alla realizzazione, anche parziale, delle prime due voci di progetto elencate.

Concludo, citando l’appello e le conclusioni inserite da Fr. Samuel alla fine  dell’ultimo rapporto inviatoci:

“ mentre ringraziamo voi e la Vs. Organizzazione per l’aiuto alle nostre necessità, continuiamo a sperare che vi ricordiate di noi quanto più spesso possiate. Stiamo attraversando un difficilissimo momento della nostra storia e della nostra organizzazione, che vorremmo sempre più efficiente ed efficace, al servizio dei nostri pazienti.
Io sono però ottimista sul fatto che queste difficoltà non possano durare ancora a lungo.
Ringraziandovi ancora per la vostra generosità, prego perché IDDIO possa continuare a sostenervi e benedirvi.
Noi ci impegnamo e preghiamo , mentre IDDIO guarisce !!! “
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

          PROTOCOLLO  D ’ INTESA
         tra
  Catholic Health Services
IMO  State  OWERRI  -  Nigeria
Rappresentato da : Most Rev. A.J.V. OBINNA    (Arcivescovo della Diocesi di Owerri )
                 e
Parrocchia di S. Zenone
Pza. Repubblica ,2
GALLARATE  ( Va ) – ITALY

Rappresentata dal Parroco : Don Guglielmo Tosoni
E-mail address  : digu @live.it
          e    
ACISS  Onlus
Via Parini , 2
GALLARATE  ( Va ) – ITALY
Rappresentata dal suo Presidente Dr. Luigi Parassoni
E-mail address  : drparassoni@libero.it

viene  siglato , all’inizio di ogni anno e rinnovato, se non sono intervenute disdette da parte di uno dei sottoscrittori, un “Protocollo d’Intesa “ nel quale sono stabiliti i seguenti impegni:

- comunicazione del nome del Direttore Responsabile dell’Ospedale di NGUGO, nominato dal Vescovo.
- comunicazione dell’ammontare (Ipotizzabile per quest’anno la somma di € 1000-1500 ?)in Euro che la Parrocchia e Aciss si impegnano a devolvere, come aiuto economico per i bisogni della gestione.
- impegno del Direttore dell’Ospedale di inviare un rapporto trimestrale sull’attività dell’Ospedale stesso e una copia di ricevute o fatture degli acquisti di materiali o servizi, effettuati con il denaro inviato.

La validità del “ Protocollo d’Intesa “ può essere sospesa in qualsiasi momento, a patto che la parte che intende prendere l’iniziativa, almeno tre mesi prima, ne dia comunicazione scritta agli altri sottoscrittori, motivando le ragioni della rottura.

La presente convenzione ha effetto a partire dalla data della firma delle parti.

GALLARATE    25 Gennaio  2012

Per Catholic Health Service  
Most Rev. A.J.V. Obinna

Per la Parrocchia di S. Zenone
Don Guglielmo Tosoni

Per ACISS
Dr. Luigi Parassoni

 
Torna ai contenuti | Torna al menu